Un sabato in diretta

16.56 La nostra donna di servizio dorme di nuovo a casa, stavolta ho imparato ed ho comunicato in precedenza che non avrei cucinato per nessuno al mondo, lui compreso. Per fortuna aveva gia’ le stesse intenzioni, per cui evviva! Stasera si esce.

18.00 Doccia, e che mi metto? Carina, carina, devo essere deliziosa. Una figa.

18.30 Sento dalla finestra del bagno che armeggia in garage, ha detto che vuole cenare sul mare… sta tirando fuori la macchina, finalmente. Giriamo sempre con la mia che e’ piu’ pratica,  No, no! allora devo essere… Elegante, ecco: una figa elegante!

19.13 Scendo. Non male come tempi, ho anche rimesso in ordine l’armadio. Non puo’ lamentarsi che lo faccia attendere, anche se, ahime’, so che dovrei! Gia’ pregusto gli sguardi che si dividono tra me e la sua bella auto di chi immagina per un attimo stralci fantastici della nostra vita come se fossimo chissa chi…(hahaha questa mi fa ridere da sola)!

19.16 … Ommioddio, ha tirato fuori il fuoristrada  (fuoristrada, non SUV) una specie di carro armato gommato, con le ruote incrostate di fango e coi sedili talmente alti che per salirci devo fare le acrobazie…

“Ma no, dai! Prendiamo un’altra macchina per una volta, mi sono vestita in un certo modo apposta! “

“si, ma adesso avrei dovuto smontare mezzo garage per tirarne fuori una… andiamo con questa, cosi’ la parcheggio senza preoccupazioni”

“Ma su, se ti preoccupi di dove le parcheggi cosa te le sei comprate a fare tutte queste auto super lusso, per guardarle parcheggiate in garage o guidarle fin dal meccanico? Tre ne hai, dico, TRE!”

“Beh, io compro le auto per me, non per farmici vedere. Adesso devi farmi fare un caos solo perche vuoi girare con quella? Dai, un’altra sera, adesso andiamo.”

granducato-toscana4x4-OK

19.37 sono seduta col mio abito sobrio, leggero, fresco, sexy, sul maledetto sedile di un’impolverato fuoristrada che mi ha gia’ rovinato la serata. “I dettagli sono importanti, se io mi vesto in un certo modo per te e sto attenta a curare certi dettagli perche’ so che ti piacciono certe cose, gradirei che tu  facessi altrettanto. Dato che usciamo pochissimo mi piacerebbe sentirmi avvolta da un’atmosfera impalpabile, profumata, complice, sobria,fragrante ed elegante, e non dover spostare le forbici da giardino altrimenti mi ci siedo sopra, ma io non lo so! “

19.55 forse dovrei un po’ rallentare, penso di avergli riempito la testa abbastanza, va a finire che la serata me la rovino da sola. Meno male che ho il cellulare dietro, pero’ che cavolo. Per fortuna sto scrivendo tutto nella bozza punto per punto e documento l’accaduto, mi sembra una situazione surreale. Eppure volevo documentare qualcosa di diverso, avevo in mente un’avventura con un incipit diverso. Vatti a fidare.

20.10 c’e’ un po’ di traffico. Estate, sabato, riviera. E’ normale, speriamo bene che si liberi alla svelta.

20.25 ancora traffico, siamo avanzati forse di 100 m.

20.40 “ma chi ce l’ha fatto fare di decidere di uscire di sabato? come se non lo sapessimo”.

20.52 “mi girerei per tornarmene indietro, ma tu guarda che sfortuna pazzesca…dovrebbero toglierela patente a tutte donne!”

“Adesso un’altra scemenza? E dai, ma non possiamo andare a cena in santa pace senza dire cose senza senso, volevo fare tutt’altro che questa discussione in macchina! Vorrei proprio vedere, se io fossi senza macchina si fermerebbe la baracca!”

“Ma sai quanto traffico inutile ci sarebbe in meno se le donne non guidassero? Tanto, le belle un passaggio lo trovano sempre, e le brutte meno circolano meglio e’!”

“Affare fatto, allora io da domani straccio la patente e faccio tutto a piedi, chi mi prende mi prende, e poi …that’s it!  E adesso girati e torniamo a casa che ceniamo ad aglio e olio!

Annunci

2 pensieri su “Un sabato in diretta

  1. penelopewaits ha detto:

    non so perche’ non mi vedi. dovrebbe arrivarti la mail.
    Invece io ho appena letto il tuo articolo sull’avventura dalla ginecologa… ho riso ma mi hai lasciato in sospeso, alla fine… come se ad un certo momento ci fosse silenzio assoluto. molto bello. recente paternita’ o racconto del passato?

    Mi piace

  2. avvocatolo ha detto:

    Tuo marito oltre a scegliere auto inappropriate da complessi di celopiccolismo mi fa le macumbe…com’è che non vedo nel reader i tuoi post nonostante io ti followi? Depistato….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...